NODI DI CRAVATTA, UNA QUESTIONE DI STILE

Oggi vogliamo parlare di uno di quei dettagli che è il passepartout di ogni vero gentleman: i nodi di cravatta.

Non esiste, infatti, un solo tipo di nodo di cravatta. L'universo mondo della moda maschile è costellato di esempi di nodi di cravatta davvero originali. Un tocco personalizzato, insomma, che valorizza i vostri outfit preferiti.

Seguiteci allora in questa mini guida che illustrerà quali sono i 5 nodi di cravatta più famosi e come realizzarli. Tutto quello di cui avrai bisogno è una cravatta, una camicia e uno specchio. Pronto? Cominciamo!

Un modello austero, il nodo Windsor

Il nodo Windsor è passato alla storia con molti nomi: Full Windsor Knot, Double Windsor e Scappino Knot. Leggenda vuole che il nome sia da attribuire a re Edoardo VIII, un vero e proprio esteta. Eppure...Non è così. La tradizione italiana, infatti, attribuisce la paternità del nodo Windsor a Domenico Scappino. Quest'ultimo, negli anni ‘30 del 900, inventò un modo speciale per annodare la cravatta. Era un'operazione molto elaborata, poiché richiedeva ben 8 passaggi. 

Il risultato di questo procedimento è un nodo triangolare, ben piazzato e corposo, quasi scultoreo. Questo nodo è perfetto per le occasioni formali.

Il nodo Balthus per un tocco d'artista

La creazione del nodo Balthus è da attribuire all'artista franco-polacco Balthasar Klossowski de Rola. Un nodo che, proprio come il suo inventore, ha un tocco surrealista. Molto voluminoso, di forma conica e larga è assai appariscente. Si adatta a cravatte dalla stoffa non troppo spessa e a colletti ampi.

Eureka! Il nodo Cavendish

Il nodo Cavendish prende il nome dal Laboratorio Cavendish, struttura che si trova nel dipartimento di fisica della prestigiosa Università di Cambridge. La storia racconta che l'idea venne a due scienziati del suddetto laboratorio. I due, infatti, volevano realizzare un nodo che fosse simile al Windsor, ma adattabile a cravatte più lunghe. Il nodo è piuttosto largo e adatto a colletti stretti.

Nodo Onassis, il fascino del magnate

Come non conoscere la storia del magnate greco Aristotele Onassis? Non fu sua l'idea del nodo, ma fu lui a diffondere a suo tempo la moda di questo particolare tipo di nodo. Esteticamente appare come una cravatta, poichè il nodo vero e proprio si nasconde sotto la parte larga della cravatta. Questo nodo si presta bene per esporre una spilla o per mettere in risalto cravatte appariscenti.

Nodo Orientale, per i veri cosmopoliti

Il nodo Orientale deve il suo nome al fatto che sia molto diffuso in Cina e in Asia Minore. Simile al nodo a quattro, a causa delle sua semplicità (è detto anche nodo semplice) tende facilmente a sciogliersi, ma è pratico per annodare cravatte di stoffa pesante.

Se sei alla ricerca della cravatta perfetta, consulta la nostra sezione dedicata alle cravatte su misura.

« Indietro